Gli stranieri che intendono frequentare in Italia corsi superiori di studio o d'istruzione tecnico-professionale devono richiedere il visto di ingresso per motivi di studio all'Ambasciata o al Consolato italiano nel Paese di origine, producendo il certificato di iscrizione al corso prescelto.

Per quanto riguarda l'iscrizione all'università, entro il 31 dicembre di ogni anno gli atenei stabiliscono il numero di posti da destinare all'immatricolazione degli studenti stranieri per l'anno accademico successivo. Le competenti rappresentanze diplomatiche o consolari italiane, rilasciano la dichiarazione sulla validità locale dei titoli di scuola secondaria e il visto di ingresso in Italia
In questi casi lo straniero deve dimostrare di disporre di adeguati mezzi di sostentamento e deve essere in possesso di una polizza sanitaria.

Lo straniero che ha fatto ingresso in Italia per frequentare un corso di laurea può cambiare facoltà.
Una volta ottenuto il visto d'ingresso, lo straniero dovrà presentare domanda di rilascio del permesso di soggiorno per studio. Tale permesso ha durata annuale, ed è rinnovabile, purché non si superino due anni di fuori-corso.
Lo straniero in possesso di questo titolo di soggiorno, può prestare attività lavorativa subordinata, per un massimo di 20 ore settimanali e 1040 annuali.
Il permesso per studio può essere convertito in lavoro subordinato nell'ambito delle quote del Decreto Flussi.

Qualora lo studente abbia ottenuto la laurea o la laurea specialistica, tale conversione può essere presentata in qualsiasi momento dell'anno fuori dalle quote del Decreto Flussi.
Lo studente che consegue il dottorato o il master universitario di II livello nel nostro Paese, può ottenere un permesso per attesa occupazione della durata di un anno per la ricerca di un lavoro.

Cosa fa l'INCA per informare, assistere, tutelare gli immigrati

A seguito del protocollo d'intesa con il Ministero dell'Interno, l'INCA è autorizzata a presentare domanda di primo permesso di soggiorno per studio. Pertanto, oltre a dare le necessarie informazioni, l'INCA invia telematicamente e consegna copia della domanda di permesso per studio allo straniero, che dovrà presentarla alla Questura competente attraverso lo "Sportello amico di Poste". 

 

Centro Lavoratori Stranieri Cgil: Via del Porto 16/c 40122 Bologna tel. 051 6087190 - 191 Siamo aperti dal Lunedì al Venerdì dalle 8.30 alle 18.30 escluso il Giovedì con apertura SOLO dalle 14.00 alle 18.30 e il Sabato dalle 9.00 alle 13.00. Per informazioni : tel 051 6087190/191, email a: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Ci trovi su FACEBOOK: Centro Lavoratori Stranieri

 

News migrazione

Un contributo per chi mette in regola le badanti

 

 

 

Scarica e leggi, in allegato, l’avviso che prevede l’attivazione di una forma di contribuzione economica promozionale, una tantum, destinata a...

Leggi tutto


Sabato a Roma "Fermiamo la strage!"

manifesto - 20 giugno con appuntamento 200x100

In occasione della Giornata internazionale del rifugiato, il 20 giugno  2015 alle ore 15 in piazza del Colosseo a Roma si terrà una manifestazione dal titolo "FERMIAMO...

Leggi tutto


Nuove regole per la domande di cittadinanza

cittadinanza ALTAN

Il Ministero degli Interni ha disposto che le istanze di cittadinanza avvengano solo ed esclusivamente attraverso l'inoltro telematico delle pratiche.

Ad oggi non è prevista...

Leggi tutto


Venerdì a Bologna la Marcia delle donne e degli uomini scalzi

scalzi2 n Bologna

La Cgil nazionale aderisce alla Marcia delle donne e degli uomini scalzi, promossa da autorevoli personalità, che si terrà il prossimo 11 settembrea Venezia. Nella...

Leggi tutto


Corte di giustizia europea: "Contributo per il permesso di soggiorno sproporzionato"

immigrazione-BolognaCGIL e INCA ottengono dalla Corte di Giustizia Europea una importante sentenza contro la discriminazione nei confronti degli stranieri.
L’organo di giustizia europeo ha definito il contributo aggiuntivo...

Leggi tutto


Permessi di soggiorno: i Patronati chiedono comunicazioni chiare

maxresdefault

Il CE.PA., raggruppamento dei Patronati INCA, INAS, ACLI e ITAL, ha sollecitato, con una lettera alla Direzione Centrale dell’Immigrazione e della Polizia delle Frontiere, una comunicazione chiara...

Leggi tutto


Permessi di soggiorno: Il Consiglio di Stato respinge il ricorso del governo

01

“Abbiamo vinto di nuovo: il Consiglio di Stato ha rigettato il ricorso del governo contro la sentenza del Tar del Lazio che, dandoci ragione, ha disapplicato la...

Leggi tutto


Permessi di soggiorno e sovrattassa ingiusta: rivolgiti a noi!

manifesto-italiano inca permessi tagliato

Leggi di seguito la nota congiunta Cgil nazionale e Inca in merito alla nuova campagna di informazione e proselitismo per le lavoratrici e i lavoratori migranti!

...

Leggi tutto


Assegno di natalità: ricorriamo al Tar contro la decisione Inps di escludere straniere senza “Carta”

donne straniere

L’Inps nega l’assegno di natalità alle straniere sprovviste della “Carta” e l’Inca ha dato mandato ai propri legali per ricorre al Tar, con il fine di impugnare...

Leggi tutto