0

Il Governo ha emanato un decreto che stabilisce un Bonus mensile per ogni figlio/a nato/a, o adottato/a, dal 1 gennaio 2015. Continua a leggere per sapere che cos'è e come funziona!

Requisiti necessari

- Avere un valore  ISEE  del nucleo familiare del richiedente  inferiore a 25.000   

- Il genitore richiedente deve essere convivente con il figlio

La domanda si fa attraverso l’invio telematico all’Inps

Documenti necessari

- Titolo di soggiorno del richiedenti e dei  figli nati nel 2015 per gli stranieri extracomunitari

- Documento d’identità documento ISEE fatto nel 2015 dopo la nascita del figlio

- Codice Iban ( banca o posta)

- Codici fiscali richiedente e dei figli nati nel 2015

 La domanda va presentata entro 90 giorni dalla data di nascita o ingresso in famiglia

Le domande per le nascite e gli ingressi in famiglia avvenuti tra il 1°gennaio 2015 e il 27 aprile 2015  possono essere presentate entro 90 giorni da tale data e quindi entro il 27 luglio 2015.

Per richiedere informazioni o un appuntamento rivolgiti presso le Camere del lavoro di:        

Bologna , Via Marconi 67/2  Tel. 0516087111

Vergato, Galleria 1° Maggio 18/a  tel. 0516740000

Casalecchio,  Via Ronzani 3/2 tel. 0516116211

San Giovanni in Persiceto,  Via Marconi 26 tel. 051821155

Funo,  Via Galliera, 62 tel. 0518658511

Budrio,  Via Martiri Antifascisti 52/54 tel. 0516923011

San Lazzaro,  Via Emilia 249/B tel. 0516205515

Incentivo alla natalità o Bonus Bebè

Che cos’è

Trattasi di un assegno corrisposto dall’Inps, su domanda del genitore, con cadenza mensile di 80 euro  (misura  annua dell’assegno pari ad euro 960), oppure per un  importo mensile di 160 euro (misura annua dell’assegno pari a 1.920 euro). L’importo di 960 euro spetta, per ciascun figlio, alle famiglie con un Isee non superiore ai 25 mila euro. Per i nuclei in possesso di ISEE non superiore a  7.000  euro annui, l’importo annuo dell’assegno è pari a 1.920 euro.

A chi spetta

L’assegno è concesso per ogni  figlio  nato  o adottato  tra  il  1°  gennaio  2015  e  il  31  dicembre  2017 e decorre dal giorno  di  nascita,  o  dell'ingresso nel nucleo familiare  a  seguito  di adozione o di affidamento preadottivo,  fino  al compimento  del  terzo  anno  di  età,  oppure  fino  al  terzo  anno dall’ingresso nel nucleo familiare a seguito dell’adozione/affidamento.

Presentazione della domanda

La domanda per l’assegno è presentata all’INPS per via telematica secondo modelli che l'inps ha predisposto. La domanda deve essere presentata non oltre il termine di 90 giorni dal verificarsi dell’evento, ovvero entro i 90 giorni successivi all’entrata in vigore del presente decreto (entro il 27 luglio) per le nascite/adozioni/affidamenti preadottivi avvenuti tra il 1° gennaio 2015 e la data di entrata in vigore del Decreto  (27 aprile 2015). Nel caso in cui la domanda sia presentata oltre il termine di cui al periodo precedente,  l’assegno decorre dal mese di presentazione  della domanda.

Requisiti del soggetto richiedente

Il  genitore, anche affidatario,  deve essere  in possesso dei seguenti requisiti: cittadinanza italiana, oppure di uno Stato dell’Unione Europea oppure, in caso di cittadino di Stato extracomunitario, permesso di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo residenza in Italia; convivenza con il figlio; ISEE del nucleo familiare di appartenenza del richiedente

L’indicatore ISEE scade il 15 gennaio dell’anno successivo a quello della sua presentazione. Anche se la domanda  è unica per ciascun figlio, il richiedente ogni anno deve presentare un nuovo ISEE prima della scadenza dello stesso altrimenti il beneficio mensile viene sospeso  e riprende il pagamento  dalla nuova presentazione del reddito ISEE compreso le mensilità sospese

Scarica il volantino del Centro lavoratori stranieri e dell'Inca!

previdenza

salute

migrazione

assistenza

sedi

contatti

fb

twitter